Ekihouse: la casa ecologica energeticamente autosufficiente

Autosufficienza, semplificazione ed efficienza tecnologica sono i termini che meglio indicano una piccola e innovativa casa prefabbricata risultato della collaborazione di un team di tecnici dei Paesi Baschi. È la cosiddetta “casa del sole”, uno dei miglior esempi di alloggio prefabbricato che unisce lo stile sostenibile con il comfort abitativo. L’interno è realizzato in legno, utilizza ampie porte finestre in vetro ed è rivestito di acciaio perforato che aggiunge forza e resistenza all’intera struttura.

In realtà la casa è il frutto dell’unione tra due moduli abitativi, ciascuno dei quali è facilmente trasportabile sul rimorchio di un camion. Il tema dell’autosufficienza energetica è il tratto distintivo del progetto, che mira a minimizzare i consumi come pochi altri esempi edilizi sostenibili esistenti.

Partiamo dall’acqua: il recipiente integrato è in grado di contenerne 1.100 litri. Un apposito sistema, invece, raccoglie acqua piovana che è destinata per altri impieghi: sciacquone, lavatrice e lavastoviglie. Esternamente, nella parte posteriore, è disponibile un sistema di riciclo che è in grado di raccogliere acqua che viene utilizzata per un uso diverso dalla cucina. Il cortile esterno è caratterizzato da un’ottima fruibilità dello spazio e permette di sistemare tavoli, sedie o barbecue.

[exalbum2]167[/exalbum2]

Al lato della casa è presente un accumulatore, in grado di ricevere la carica dell’impianto fotovoltaico posto sul tetto, inoltre è disponibile un punto di ricarica per veicoli elettrici, che risulta integrato nel design e un sistema che conserva acqua riscaldata dal sole per i diversi utilizzi della casa.

LEGGI ANCHE: La casa in bioedilizia, vantaggi strutturali e ritorni economici 

Di notte l’illuminazione interna crea un bellissimo effetto intorno alla casa e accende il verde che riveste le pareti. Al mattino gli inquilini beneficiano di luce naturale, che invade gli ambienti interni sapientemente progettati. I vincoli legati allo spazio hanno indotto i tecnici a ricorrere a mobili multifunzionali. Tutti gli armadi e i tavoli poggiano su ruote, in modo che sia possibile variare combinazioni e layout a piacere, i primi sono a scomparsa in modo che la camera da letto possa facilmente diventare salotto o sala da pranzo con il minimo sforzo.

Il letto può essere ripiegato nella cavità della parete, ciò consente di ridurre l’ingombro nella zona giorno e un rapido cambiamento della stanza a seconda dei momenti della giornata. Dietro la parete contenente il letto si trova la zona bagno, costituita da lavello, wc e doccia collegati al sistema di acque grigie di riciclaggio.

Sulla parete è disponibile un display che indica agli inquilini i dati dei consumi energetici e della temperatura ambiente. Esso inoltre permette di controllare e programmare l’illuminazione, l’aria condizionata e l’home entertainment. Il touch screen è facile da usare ed è abbastanza intuitivo. I mobili della cucina sono nascosti nella parete e gli elettrodomestici sono ad alta efficienza per ridurre al minimo il consumo di energia, mentre le esigenze elettriche per la casa sono tutte coperte dall’impianto fotovoltaico.

[album]167[/album]

  • Share post